Chiesa di San Benedetto

Ubicata a ridosso delle mura cittadine, è una delle chiese più antiche. Divisa in tre navate da pilastri a sezione rettangolare, presenta due ingressi: quello principale sulla facciata, il secondo sul fianco sinistro. L’interno è illuminato da una serie di finestre disposte lungo la parete della navata sinistra. I numerosi dipinti conservati al suo interno, la “Madonna della Misericordia”, la “Flagellazione di Cristo” ed il “Battesimo di Cristo” appartengono tutti al XIII sec., tranne un frammento dell’“Annunciazione” del 1430 circa ad opera del pittore privernate Pietro Coleberti. Sull’abside  una “Madonna in trono con Bambino” si erge tra San Benedetto e San Bernardo. San Bernardo, posto a destra della Vergine, sorregge con la mano un modellino della chiesa nella forma originaria. Alla fine del XVIIl sec. è da datarsi invece l’attuale campanile che, addossato al fianco sinistro, fu distrutto da un fulmine nel dicembre del 1784 e ricostruito completamente pochi anni dopo.